Informazioni turistiche, suggerimenti e consigli per organizzare al meglio le proprie vacanze sulle località delle Costa Veneziana.

Il sistema elettronico di timbratura dei vaporetti a Venezia

costa_veneziana

Quando tra qualche giorno l’afflusso di turisti a Venezia subirà un’impennata significativa, complici l’atteso arrivo della primavera climatica e in concomitanza con l’avvento della Pasqua, il sistema dei trasporti cittadino dovrà fare i conti con ritmi di lavoro sostenuti, battelli superaffollati, lunghe code alle biglietterie; ma da quest’anno le cose potrebbero essere un po più semplici.

Infatti questo sarà il primo vero test per il “nuovo” sistema elettronico (IMOB) per la gestione dei biglietti dei vaporetti a Venezia, partito ufficialmente a novembre 2007, che finora ha avuto il classico periodo di rodaggio, dove soprattutto i cittadini hanno iniziato a conoscerlo, ma ora potrà fare la differenza nei tempi e nei ritmi della viabilità nei trasporti acquei di Venezia. Infatti da una parte il sistema automatizza e regolarizza le obliterazioni, abbattendo gli abusivismi e le irregolarità, dall’altra manca ancora un significativo test “sul campo” che ci dica se questo sistema provochi rallentamenti o difficoltà, specie in situazioni di estrema congestione, o in funzione di persone anziane e meno “predisposte” all’avvento tecnologico nelle abitudini quotidiane.
Da quanto si apprende dal materiale informativo e dal sito ufficiale del progetto imob.venezia.it, il nuovo sistema beneficia l’utente in quanto permette di inserire in un unico pass diverse soluzioni di viaggio, corse multiple e abbonamenti. La card sarà meno usurabile dei classici biglietti cartacei. Inoltre non servirà più avere la carta Venezia, informazione che sarà già inclusa nella tessera di viaggio e per chi ne beneficia sarà possibile acquistare i biglietti a prezzi già scontati. Vantaggi non eclatanti ma pur sempre tangibili.
Online è presente anche una guida all’utilizzo della validatrice, con una chiara animazione che mostra come interagire con l’apparecchiatura.

Sarà l’azienda probabilmente a giovarne di più, grazie alla possibilità di automatizzare il processo di vendita biglietti, che permette una riduzione del personale in alcuni punti e la necessità di minor osservanza delle obliterazioni grazie all’imob, e ad un maggior controllo sui flussi, che permette anche di raccogliere statistiche per meglio stilare tariffe e intensificare le corse nelle tratte a maggior affluenza.
C’è chi si chiede se nelle ore di punta, dove si mobilitano lavoratori, studenti e turisti, l’obbligo di validare il ticket anche per chi ha l’abbonamento e prima saliva al volo, possa generare più disagi che vantaggi. Beh, staremo a vedere…
Per completezza ricordiamo che tariffe ed orari dei vaporetti di Venezia per la stagione 2009 sono reperibili in modo ufficiale al sito dell’ACTV.

Lascia un commento

Lascia un commento

Your email address will not be published.




Top